La rocca primitiva era difesa semplicemente da palizzate e fossato, mentre i pochi resti di quella odierna indicano la grandiosità dell’impianto originario e la solidità della sua struttura. I ruderi del castello, risalente al XIII secolo e fatto edificare forse da un ramo dei ghibellini Suardi, durante le turbolente lotte di fazione che precedettero l’arrivo della Serenissima Repubblica di Venezia, passa temporaneamente ai guelfi, poi alla famiglia dei Ficieni e in seguito a quella dei Vertova. Sull’area che occupa, denominata Monticelli-Brusati, è stata costruita una villa che prende il nome dalla stessa località.