Chiesa nuova di S. Pietro e Paolo

Scanzorosciate | Luoghi di interesse

Una delle figure più eminenti della storia religiosa del paese fu Giuseppe Radici, parroco di Scanzo dal 1932. Uomo intraprendente e di forte temperamento, appena arrivato Scanzo fece sua l’idea di una nuova parrocchiale. La vecchia chiesa del Caniana fu giudicata insufficiente, soprattutto per l’incremento demografico di quel periodo. L’incarico dei lavori fu affidato all’Ing. Dante Fornoni nel 1934 che elaborò un progetto a navata unica con tre campate su croce greca. Il complesso insiste su un’area ricavata dalla demolizione degli edifici in origine di proprietà dei Martinengo. L’interno è snello e arioso arricchito da affreschi di Emilio Nembrini (1944-46) e Trento Longaretti (1986-87). Sul presbiterio campeggia l’altare maggiore di Giovanni Rota, realizzato con pregiati marmi di Zandobbio e di Camerata Cornello, arricchito dai rilievi simbolici di Costante Coter importante scultore bergamasco. La portella del tabernacolo porta la firma dell’artigiano scanzese Giacomo Cortinovis.

CONTATTI