La Chiesa di San Gerolamo è di ordine composito perchè di stile gotico lombardo, come dimostra anche la facciata, che si presenta imponente e maestosa

La chiesa fu voluta dal parroco Don Isaia Longhi in sostituzione della vecchia cappella ormai inadeguata alle esigenze della comunità religiosa. il parroco si mise all’opera per realizzare la nuova chiesa parrocchiale, aiutato dal coadiutore Don Giovanni Secomandi e sostenuto dal conte Sforza della Torre.

Il progetto fu affidato all’architetto Ferruccio Chemello di Vicenza, che in iniziò i lavori il 12 marzo 1902 e terminarono nell’estate del 1905. Il 7 settembre dello stesso anno il nuovo Vescovo di Bergamo mons. Radini Tedeschi la inaugurò solennemente.

Alla realizzazione della Chiesa partecipò entusiasta l’intera comunità. Con ammirevole costanza e sacrificio si stabilirono dei turni di lavoro “gratis”, ogni famiglia doveva dare una giornata di lavoro ogni settimana per la manovalanza, il trasporto dei materiali, gli scavi ecc.

La Chiesa è a una sola navata, ha la pianta a croce latina con due nicchie per gli altari laterali e una per il presbiterio e il coro. il prospetto ed i fianchi sono in stile lombardo-bizantino a bifore e trifore ornate con colonne in pietra di Val di Sole. L’interno è decorato con fregi bizantini policromi a fresco, il soffitto è a volta centinata, l’altare maggiore è in pietra di Chiampo con dorature, colonnine e rimessi in marmi della provincia di Vicenza.

CONTATTI

  • Piazza Conte Sforza, 6 torrederoveri